DutchDame: sotto il latex una preziosa ceramica olandese dagli occhi azzurri

Se, negli ultimi anni, non avete partecipato a qualcuno dei grandi eventi europei come il German Fetish Ball o il Dominatrix, sicuramente non avrete mai visto la Dama Olandese in azione… Questa statuaria modella di Amsterdam è molto più di una bambola vestita di latex, venite a scoprirla con noi…

Ciao Didi! Sappiamo che non si chiede mai l’età a una donna… Ma tu sei giovane, quando sei nata? Dove vivi attualmente?

Sono nato nel 1987 nella mia bellissima Olanda e sono molto orgogliosa di dire di essere “un’ olandesina” al 100%. La meravigliosa città di Amsterdam è sempre stata per me un luogo molto speciale e continuerà sempre ad esserlo. Sono stata in molti paesi negli ultimi anni ma sono sempre estremamente felice quando torno in Olanda. “Casa dolce casa”… 😊

Quando hai iniziato a fare la modella? Era quello che sempre avresti voluto fare?

Ho iniziato abbastanza presto a fare la modella, avevo circa quattordici anni e mi divertivo già molto. Per me era ancora un pò un gioco. Fare esperienza in un’età così precoce, devo ammettere che mi ha aiuta parecchio nel proseguire poi, con grande passione nel mio lavoro.

Devo anche dire che quando ho avuto la possibilità di indossare abiti e accessori in Latex-Rubber, me ne sono immediatamente innamorata! Così ho deciso di fare la modella quasi esclusivamente in questo settore. I miei sogni sono sempre stati pieni di Gomma e Lattice. Per me è un’esperienza meravigliosa essere a contatto con i Designer di abiti e accessori di questi materiali e di tutta la scena Fetish internazionale che vi ruota intorno.

Credi che fare la modella alternativa sia più creativo che farlo solo nella maniera convenzionale?

A volte, forse! Essere una modella alternativa che poi: penso sia solo una definizione semantica… Ti da sicuramente la possibilità di essere più aperta e disponibile verso lavori dove ti puoi esprimere molto liberamente. Però c’è una notevole sovrapposizione tra due campi, avendo lavorato in entrambi.

Amo davvero molto la libertà che mi concede essere una modella così ben inserita nel mondo del Latex. E’ una forza creativa a cui posso attingere durante i servizi fotografici, le sfilate o le mie altre mie performances, sento che tutto questo è divenuto parte di me.

Il mio lavoro come modella sarebbe molto diverso senza questa consapevolezza. Sono davvero grata a tutte le persone che orbitano in questo particolare settore di mantenere con me il piacere di lavorare con loro, perché fa davvero la differenza.

Da modella, quale pensi sia l’aspetto più importante di una foto?

Ci sono tanti modi diversi per rispondere a questo, ma penso che tutto dipenda dal fatto che l’aspetto finale sia quello che si voleva realmente conseguire e che sia altamente professionale.

Quando lavoro con i diversi designer di Latex, la mia preoccupazione è rivolta a far sì che l’outfit sia valorizzato al meglio, anche nei più piccoli dettagli che spesso fanno la differenza. Quindi trovare il mood giusto per un servizio fotografico è essenziale per impostare un look adeguato con l’outfit, che deve risultare sempre perfetto, correttamente lucidato e con la sua specifica forma, così da eseguire delle riprese perfette. Tutto ciò è estremamente appagante quando è fatto al meglio.

Molte persone hanno un’idea sbagliata secondo cui tutti quelli che lavorano nel campo della moda siano essenzialmente delle teste vuote – cosa risponderesti?

Può essere esattamente l’opposto! Ci sono molte menti fantastiche e brillanti in questo settore. Lo vedi da come conducono le loro aziende, da come fanno affari e quali relazioni sociali riescono a intessere e a condividere il tutto con grande positività.

E’ davvero grandioso, sono molto felice e grata di avere tanti dolci amici in questo settore che sono anche ottime persone con cui collaborare – se non ci fossero persone intelligenti in tutti i campi dico, gli stereotipie e i pregiudizi sarebbero rocce Inscalfibili e vivremmo sempre con la testa rivolta al passato.

Ti senti mai insicura quando sei di fronte a un fotografo quando scatti?

Per fortuna no. Il Latex che quasi sempre indosso è come l’abito di un supereroe per me; quando sono vestita in Latex-Rubber mi sento estremamente a mio agio e al meglio di me.

Mi sento come se potessi conquistare il mondo, è per questo motivo che mi piace lavorare in questo campo. La passione che ho per tutto ciò che è in Lattice e Gomma mi fa apprezzare ancora di più il fatto di essere una modella adatta ad indossare quei meravigliosi e fantasiosi outfit.

Tutte le modelle, che siano alternative o no, fanno molte cose per tenersi in forma. Tu non fai certo eccezione ammirando la tua figura quasi scultorea, come curi il tuo corpo?

Per me è molto importante avere uno stile di vita molto sano, la cura del mio corpo passa principalmente da una disciplina ferma e con poche eccezioni. Conservare la propria linea è fondamentale per una modella.

Mi mantengo attiva tutti i giorni allenandomi duramente per mantenere intatta la forza di cui ho bisogno per affrontare tutti i miei impegni. Mi prendo cura del mio corpo anche attraverso una corretta alimentazione mangiando cose salutari e non sofisticate, poi anche tenendo pulito il mio fisico sotto ogni aspetto estetico e igienico.

Stabilisco degli obiettivi da conseguire, se ci prendiamo cura di noi stessi siamo più felici, sicuri e, quando sono vestita in Latex: mi sembra che le persone apprezzino i miei sforzi…  🔥

Hai altri progetti che vorresti menzionare?

Come sempre, sto lavorando costantemente per portare nuovi contenuti sul mio Sito Web attraverso nuove collaborazioni con diversi designer, modelle e molto altro ancora. Detto questo, quest’anno ho lavorato duramente nella realizzazione del mio primo calendario in Latex Fashion, e sono estremamente contenta di averlo fatto. È disponibile sul mio Sito Web se volete saperne di più.

Che tipo di musica ascolti?

Si pò dire che ascolto un pò di tutto, un giorno posso sentire musica “Thunderdome” che un concept olandese sostanzialmente di genere hardcore e gabber, oppure, Paloma Faith o Elvis. La musica è una delle forze meravigliose di questo mondo e io amo tutte le storie e le atmosfere che riesce a dare.

E quale consiglio avresti per le ragazze “alternative” che vogliono fare le modelle?

È facile … Sii sempre te stessa, e sarai bellissima!

Di: Sara Ballini – traduzione: Federica Galbiati.

Model: DutchDame / Instagram / Facebook