Bernie Dexter: ritorno al futuro

“Indossare abiti è il modo in cui io celebro le forme femminili”.

E’ questa una delle frasi celebri dell’icona vintage Bernie Dexter. Occhi da cerbiatta ed uno stile da Pin up anni 50 , celebrità burlesque con un gusto particolarmente raffinato nell’indossare, intimo ed accessori che resero prestigiose le Dive famose della vecchia  Hollywood. Bernie Dexter è stata una modella per anni.

Nel 2009 ha creato una line d’abbigliamento ispirata al mondo delle Pin up. Nel 2017 ha aperto anche un punto vendita nel Regno Unito, diversificando e ampliando la sua gamma con accessori donna e abbigliamento uomo.

Quando e come hai maturato il tuo amore per lo stile Rockabilly, e come hai cominciato ad esprimerlo?

Mi sono sempre divertita nello vestire vintage. Andavo per mercatini ogni giorno per comprare e rivendere articoli  nei negozi vintage… Per far soldi!  Poi mi è capitato di andare ad un evento Fetish un: Rubber Ball, ci andai con una parrucca nera con frangetta che avevo comprato perché amavo molto indossarla, durante l’evento c’erano dei fotografi e mi fu chiesto di scattare qualche foto con la mia parrucca stile  Bettie Page, ma io ero troppo timida e non lo feci. Non ero mai stata in una situazione simile e neppure  ad uno spettacolo Rockabilly. Non conoscevo nulla della scena underground prima del 1994, Però mi piacque e dopo un anno mi proposi per uno spettacolo in un locale, mi presero! E da lì iniziò tutto.  Inutile dire che ho trovato  nel Rockabilly  la mia personale felicità e mi sono sentita completa. Finalmente mi sentivo a mio agio e inserita perfettamente con tutti.

Quando hai iniziato a fare la modella?

Ho fatto la modella a periodi  diciamo da quando avevo 11 anni, ma ho lasciato perdere a 21. Frequentai l’istituto di bellezza ed imparai come lavorare sui capelli e al trucco. Mi piaceva il settore, lavorare serenamente dietro le quinte. Ero anche abbastanza soddisfatta così. Mai, nemmeno nei miei sogni più selvaggi, avrei pensato che sarei diventata ciò che sono adesso. Sembrava, che per ogni lavoro che si svolgesse sul set fotografico, i  vari fotografi  venissero a chiedermi di spiegare alle modelle come posare. Letteralmente :“Puoi venire qui farle vedere?”, ed io lo facevo. Ma fu quando feci uno degli scatti di prova per uno dei fotografo che tutto cambiò. Sono entrata nella fotografia, in abiti da Pin up anni 50 e cominciarono ad arrivarmi diverse  offerte per fare la modella. 

Puoi spiegarci la tua grande passione per le Pin up degli anni 1940 – 50?

Quegli anni riflettono un tipo di bellezza ancora innocente, una cosa da tempo dimenticata nella cultura di oggi.

Ti piace tutto ciò che è prestigioso e retrò. Come ti senti quando indossi vestiti, intimo ed accessori ispirate alle grandi Dive del passato?

Il mondo vintage e i vestiti che si ispirano alla moda vintage mi fanno sentire femminile e molto signorile.

Potresti raccontarci della tua relazione con la musica?

Il Rockabilly è l’ispirazione per la mia anima. Suona durante tutti i miei servizi fotografici. Amo ballare, e la musica rockabilly mi fa muovere verso il centro di me stessa.

C’è qualche tipo di vestito del quale non potresti fare a meno? Tacchi alti, corsetti, calze autoreggenti…

Non potrei mai vivere senza queste cose! Ma un buon stringi vita con giarrettiere è sicuramente il pezzo che preferisco. Parlando di questo… Ho una linea di abbigliamento intimo se siete interessati!  Riproduzioni di articoli dalla mia collezione super personale! Mi sono assicurata di includere un classico stringi vita con giarrettiere, già nella mia prima collezione.

Tua madre era una ballerina burlesque. Quanta influenza ha avuto questa cosa sulle tue passioni? Hai mai pensato di farlo anche tu?

Si, lei era una ballerina burlesque. Lei è quella che ha portato il fascino  nel mio mondo. Quando ero una ragazzina sognavo di essere proprio come lei, e in un certo senso, lo sono. Le somiglio molto fisicamente, sicuramente. Ma non faccio eventi burlesque dal vivo, sono troppo timida. E poi ci sono già tante ballerine burlesque, quindi lascio a loro questa cosa.

Il Fetish ed il vintage sono diventati sempre più popolari, come ti spieghi  questo successo?

Non penso che sia “più popolare”. Penso solo che la gente sia meno imbarazzata nell’aprirsi verso i  propri  “desideri”. Il vintage è sempre stato popolare. Penso che alcune cose, come i cappellini inclinati, siano più popolari adesso grazie a Dita Von Teese. Però so di aver collezionato cappelli come molti altri miei amici hanno fatto, per indossarli continuamente.

Il tuo è un tipo di bellezza senza tempo e sempre alla moda. Se potessi portare qualcosa nel presente dagli anni 1940 – 50 cosa sarebbe?

La cultura musicale, ma non la musica da pista. Mi riferisco alla pazza musica Rockabilly. Amerei accendere la radio ed ascoltare Johnny Burnette, Levi Dexter, Janis Martin, Gene Vincent, e tanti altri. Musica che muove la gente davvero.

Di: Eliselle

Traduzione e adattamento: Sara Ballini e Daniele Arbitrale

Bernie Dexter